L’idea

Made in Story è una visione, un impulso, un sentire personalissimo che antepone le persone, i sogni, le emozioni alle aziende e i loro prodotti.
Un progetto che vuole unire alcuni punti, fra loro apparentemente distanti, ma in realtà tutti legati da un filo invisibile, quello del sentire umano; perché si, ce lo scordiamo spesso, ma le aziende sono fatte di essere umani e parlano agli essere umani.

numero1

 The Clue Train Manifesto

e l’inevitabile destabilizzazione

Questo manifesto visionario già nel 1999 parlava di un’occasione incredibilmente unica che stavano perdendo tutte le aziende del mondo. Quella di smetterla di parlare in maniera “aziendalese” e approcciarsi alle persone in maniera più umile, umana, vicina. A questo link la traduzione in italiano a cura di Luisa Carrada.
Leggo quasi quotidianamente company profile, mission, valori aziendali e trovo spesso le stesse frasi omologate, omogeneizzate, senza anima e senza valori veri, sentiti, unici.
Mi chiedo quale possa essere il livello di credibilità nei confronti dei clienti e la curiosità da parte delle persone nel conoscere questo tipo di aziende.

numero2

Prima le persone, poi le aziende

Le persone prima dei prodotti. Facebook e gli altri Social Network ce lo stanno mostrando da anni; le persone vogliono vedere le persone, le loro facce, pur se amano seguire le aziende. Allora ripartiamo dalle persone prima che dai brand. Ho sempre comprato i prodotti prima per la persona che me li proponeva, poi per le le emozioni che mi suscitava quel marchio.
Perché nella comunicazione aziendale spesso si assiste alla sola focalizzazione sul prodotto?

numero3

Basta! Qualità e Made in Italy

Non esiste azienda italiana che non parli di qualità o di  made in italy. Bene, ma oggi dire o scrivere “qualità” senza specificarla, basta? Applicare sui propri prodotti, brochure o siti, il “bollino” made in italy è sufficiente per differenziarsi? Dal prurito provato in tutte queste occasioni e dal cuore che invece si apre quando incontro persone che la qualità e l’estro italiano te lo fanno sentire nel più piccolo dei dettagli, nasce made in story.

numero4

Qualcosa di diverso esiste

persone e storie prima dei prodotti

Assaporare il made in italy dalla geniale intuizione che ha portato alla creazione di un progetto aziendale.
Dare voce al “viscerale” che frequentemente si perde; “metterci la pancia” e non solo la testa.
Le start up o le più belle realtà italiane non sono quasi mai nate dalla ragione.
Ma prima dalla pancia o dal cuore. La ragione, quella ci deve assolutamente essere, ma viene dopo.

E poi io

Fotografia, comunicazione, amore per le storie

Questo blog vuole essere l’ambiente per dare libero sfogo alle mie passioni:
quella fotografica, che spesso, troppo spesso rimane chiusa nel cassetto dove sono custodite le mie macchine fotografiche.
La Comunicazione; sono un divoratore di fotografie, video, manifesti, infografiche, insomma tutto ciò che è visuale, visivo, che ha un colore, una forma, un’intuizione.

Provo quindi a raccontare le aziende partendo dalle persone che hanno una storia da raccontare.
La loro.
Perché tutto nasce da una storia.
Made in story.

8 Comments

  1. Complimenti Gianluca bella idea! Bravo.
    In bocca al lupo per questo progetto e per gli altri mille che starai portando Avanti!
    Saverio

    • Grazie Saverio,
      i tuoi complimenti sono davvero una sorpresa molto gradita.
      Faccio anche a te un grosso “in bocca al lupo” per tutti i tuoi progetti, con la speranza che magari un giorno potremo lavorare su qualcuno di questi insieme.

  2. Gianluca,

    complimenti per il blog!
    L’ho letto ed esplorato molto volentieri e tutto d’un fiato. Design e argomenti molto molto belli.
    Continuerò sicuramente a seguirti!

    • Ciao Luca,
      grazie mille per i complimenti.
      Ormai siamo vicini anche al prossimo articolo, ti terrò informato oppure seguimi sui Social o Newsletter.
      A presto

  3. Bravo Gianluca Made in Story è un progetto creativo che mi piace moltissimo e seguirò la sua espansione. Un modo nuovo di fare blog. Bravo continua così.

    • Grazie per aver apprezzato il progetto.
      Sentire questi apprezzamenti da te che un blog lo hai da tempo e gestisci foto, grafiche e web, mi da ancora più stimolo per andare avanti.
      Grazie ancora.

  4. Percorri salite Hors Categorie con il piglio del grande scalatore. Dalle vetrine che hai disegnato si respira la passione che anima l’impresa.

    • Ciao Fabio,
      grazie per il commento.
      Effettivamente le salite sono particolarmente impegnative, ma grinta e passione non mancano.

Submit a comment


7 − = 0